CIANCHINO, l'uomo e il fantino.

Salvatore Ladu detto Cianchino

Oggi ho incontrato Salvatore Ladu, l'uomo vero oltre che il grande fantino che è stato. Protagonista indiscusso del Palio, fra il 1978 ed il 2005 ha corso 46 carriere vincendone 8. Ecco la chiacchierata piacevole e ricca di spunti che abbiamo fatto.

Salvatore, qualcuno ha soprannominato il '78 "L'anno dei Ragazzi". Due fantini esordienti vinsero il Palio, Bastiano nella SELVA a luglio e tu nella PANTERA ad agosto. Era nata una nuova generazione?
<<Eravamo in tre debuttanti: io, Bastiano ed il Congiu (Tremoto). Si può dire proprio che eravamo una bella generazione che poi è proseguita negli anni '80 con anche Il Pesse, Massimino e Il Bufera. Fino alla metà degli anni '90 eravamo in sei o sette che ci contendevamo ad ogni palio la vittoria. A luglio di quell'anno avevo appena iniziato la mia carriera paliesca, fresco arrivato e senza conoscere affatto la città.>>

Cianchino durante il corteo storico del 16 agosto 1978. Cianchino nella Pantera
Salvatore Ladu in due immagini dell'agosto 1978, al tempo del suo primo successo nella PANTERA.

Come sei arrivato a Siena?
<<Grazie al Gentili (Ciancone) con il quale correvo nel Lazio da avversario. Un giorno mi chiese se ero interessato a venire a Siena. Conobbi prima alcuni dirigenti dell'ONDA (Radicchi e Inglesi) poi però fu col BRUCO al Lago di Bolsena che strinsi i primi accordi col capitano Ferruccio Pacciani ed il suo staff. Fui soprannominato Cianchino da due illustri brucaioli, Ciottolino e Beppe di Bedo che ora non c'è più.>>
Col Bruco l'inizio non fu molto fortunato, ma poi nel 1996, fosti l'artefice del ritorno alla vittoria della Contrada di via del Comune dopo il lunghissimo digiuno?
<<E' stato un palio importante perchè ha concluso idealmente la mia storia. Io avevo cominciato col BRUCO anche se purtroppo ci ho vinto troppo tardi, quando alcuni amici brucaioli non c'erano più e questo è un grande rammarico. Ma rimaneva un sogno che andava a coronarsi, perchè vincere lì rappresentava per me il massimo. Proprio in quell'anno a luglio ci avevo battezzato i miei figli, Veronica e Alessio. A volte si fanno dei fioretti ed io pur di vincere quel palio ne avevo fatto uno che si è poi realizzato: non vincerne più. Così dalla vittoria di Ciancone a quella di Cianchino dopo 41 anni si chiuse il cerchio del digiuno brucaiolo.>>

Cianchino su Rose Rosa vittoria del 16 agosto 1996. Cianchino toglie la cuffia al BRUCO.
16 agosto 1996, dopo 41 anni di digiuno il BRUCO riassapora la vittoria grazie al "suo" Cianchino e a Rose Rosa.

Però nel 1984, ad agosto, un dispiacere al tuo BRUCO glielo desti?
<<Mi trovavo in un periodo un po' brutto, ero incerto se smettere o continuare ed è stato il classico palio della svolta. Io con Orion tiravo a vincere in partenza, loro con quel brocco di Sirlad  pensavano che non avrebbero avuto chances. Invece  fu un palio a due anche se la differenza fra i due cavalli era notevole.>>

Nel 1997 stavi per "scuffiare" la TORRE, ma poi la rimonta del Pesse e Quarnero.....
<<Allora i dirigenti delle contrade tiravano a vincere e c'era la tratta dei cavalli, adesso c'è quella dei fantini. Un palio così, con la mentalità di oggi, non mi sarebbe sfuggito. Allora non c'erano sgabelli e sgabellini, erano tutti "professori" e tutti volevano vincere. Oggi contano solo i soldi, allora molto meno. Poi ritornando a quella carriera, la GIRAFFA è sempre stata la rovina mia e della TORRE (sorride). Era già successo nel '86 e si ripeteva ancora questa volta e per giunta col mio avversario Pesse. >>
Quella volta però data la tua rovinosa caduta, il Pesse non poté farti il "gesto" che vi facevate di solito quando uno arrivava primo e l'altro secondo?
<<Quel gesto l'ho inventato io e lui, siccome era un dispettoso, me lo ha copiato. Noi però, eravamo veramente dei rivali, non ci si parlava, non c'era falsità nei rapporti. Ci rispettavamo come avversari, ma ognuno stava per conto suo, non si andava poi di notte a mangiare o a bere insieme come accade ai fantini di oggi. Io ho avuto screzi con Bastiano, con Andrea, con Beppe, ma eravamo veri.>>
Come ci si sente fra i canapi nel momento magico della mossa?
<<La cosa che mi snervava di più era la lunga attesa, dover fare il corteo storico, dover aspettare nell'entrone il momento di salire a cavallo. Quello era lo stress più grande. Poi una volta montato a cavallo, tutto passava, calavo la saracinesca e via. Anche fra i canapi io non sentivo più niente a parte le chiamate del mossiere. I mormorii, i silenzi della Piazza, i boati li ho sentiti soltanto dopo, da spettatore.>>

Urbino, Benito e Pytheos. Bomboloni con i quali hai trionfato. Un ricordo.
<<Urbino era un cavallo di "famiglia" perchè di proprietà di persone del BRUCO, la cosiddetta CABOLA (Capannuli, Boschi e Landi) e lo avevo montato per quattro mesi quando arrivai a Siena. Benito, per morfologia e carattere è quello al quale mi sono sentito più legato ed è quello che avrei potuto montare sempre ad occhi chiusi, anche se spesso scelte di Contrada non me lo hanno permesso. Pytheos invece è stato la mia rovina. Il cavallo andava molto forte, era macchinoso e  si sbilanciava in curva ed era difficilissimo rimanerci sopra. Nel giro più veloce del palio di Siena diventai un "cinese" da come gli occhi mi si strizzarono. Era diventata  una mezza sfida fra me e lui. Nel 1990 entrai in contatto col compianto Falorni (capitano dell'Oca) e mi accordai per correrci a luglio, ma mi ero augurato di non finire di rincorsa. Il cavallo era fatto per il canape. Ma finii proprio di rincorsa ed ebbi qualche intoppo . Ad agosto nel MONTONE fui ripagato di quella sfortuna.>>
Hai corso soltanto due volte nell'OCA, ma non è mai scoppiato l'amore?
<<Essendo stato sempre nella sfera del BRUCO è piuttosto normale. Il BRUCO ha sempre considerato l'OCA alla stregua di un'avversaria. Io "Abbasso Fontebranda..." l'ho sempre sentito cantare più nel BRUCO che nella TORRE. Tuttavia con l'OCA ho sempre avuto un buon rapporto, ho diversi amici. Forse quella volta con Pytheos avrei potuto fare meglio.>>


Enrico Martelloni e Salvatore Ladu.

Cianchino, Il Pesse e Bastiano di allora a confronto con Brio, Gingillo e Tittia di ora. Affinità e divergenze.
<<E il Bruschelli non ce lo metti?>>
Il Bruschelli lo mettiamo sullo stesso piano di Aceto di quei tempi.
<< Le dirigenze di una volta andavano in provincia, giravano la Toscana, il Lazio e cercavano i fantini da portare a Siena per investire poi sul fantino di Contrada. Oggi vanno in provincia solo per guardare i cavalli; è già diverso l'approccio al palio. Oggi i dirigenti se ne lavano le mani, meno impegni hanno e meglio stanno. Si fa politica più che andare a cercare l'idea nuova. Si fanno belli davanti alle telecamere o ai giornali, oggi ci sono le dirigenze dei proprietari. E' cambiato il mondo ed io m'illudevo che Siena non cambiasse, ma così non è stato. Mi avevano convinto che il Palio avesse un proprio guscio e che nessuno dal di fuori avrebbe potuto metterci le mani. A me hanno insegnato che questa città è composta da 17 Comuni e non da uno soltanto, altrimenti Siena avrebbe potuto avere la stessa importanza di San Rocco a Pilli o Rosia. Forse non ci sarebbe stato neppure il Monte dei Paschi.>>

Un pronostico al buio per la prossima carriera?
<<Mi darebbe fastidio veder battere al Bruschelli il record di Andrea (ACETO)
non perchè ce l'ho con lui. Io sono amico di Andrea, un sardo che per noi giovani fantini di un tempo rappresentava l'apice. Andrea correva negli ippodromi con Dettori ed altri grandi. E' stato un idolo per me!
E' vero, secondo te, quanto viene detto dai molti detrattori di Gigi Bruschelli, ossia che "indirizzerebbe" le scelte di molti capitani finendo per condizionare fortemente la Festa?
<<Non solo dei capitani, ma anche dei veterinari comunali, dei veterinari delle stalle, dei dirigenti, dei cavalli... Bruschelli, in un colpo solo, ha risolto i problemi legati al palio, di questo gliene va dato atto. E così facendo si rispettano tutte le leggi che ci sono oggi, non si da adito agli animalisti di attaccare la Festa e si adempie a tutti i vincoli che un tempo non c'erano. La sicurezza è importante, ma questo palio non è più delle Contrade, non ha più una sua anima. Bruschelli è un senese e conosce perfettamente l'ambiente in cui è nato. Mi vengono a mente le parole del grande Ciancone: "Toscano e senese, falso e cortese".>>

Cianchino nella CHIOCCIOLA, disegno di Enrico Martelloni.
Il sogno di Salvatore (disegno di E. MARTELLONI.

Se stanotte in sogno un angelo ti dicesse che hai la possibilità di correre e vincere un'ultima volta e di sceglierti una Contrada. Quale sceglieresti e perché?
<<Ora come ora, la CHIOCCIOLA. Nella TORRE no perchè ha già vinto e non da più libidine. Ma per vincere nella CHIOCCIOLA darei dieci anni della mia vita. Ho sempre dato molto di me a chi aveva bisogno, pensando forse più agli altri che al mio tornaconto. E se tornassi indietro forse qualcosa cambierei, come per esempio, in qualche caso, aver vinto per delle dirigenze che non lo meritavano affatto, mentre avrei preferito farlo in altre. >>
Come ti piacerebbe essere ricordato dai posteri?
<<Credo che una persona si debba distinguere per quello che è, non per quello che fa. Se si guarda a quello che ho fatto posso essere odiato o amato, ma preferisco essere ricordato per quello che sono io realmente come persona.>>

Ringrazio di cuore Salvatore per la sua disponibilità e gentilezza e per avermi fatto conoscere quella persona speciale che è. Un ringraziamento speciale va anche ad Enrico Martelloni che mi ha aiutato a realizzare questa intervista ed a Natale Zaffaroni che mi ha fornito molto del materiale fotografico che è presente in questo articolo.
 

Le 8 vittorie di Salvatore Ladu
detto CIANCHINO


 

N Palio Contrada Cavallo
1 16 agosto 1978 PANTERA Urbino
2 16 agosto 1984 NICCHIO Orion
3 16 agosto 1985 ONDA Benito
4 16 agosto 1987 PANTERA Benito
5 16 agosto 1990 V.MONTONE Pytheos
6 3 luglio 1991 TARTUCA Uberto
7 2 luglio 1995 ONDA Oriolu
8 16 agosto 1996 BRUCO Rose Rosa

PER ESPRESSO VOLERE DI SALVATORE LADU E PER MOTIVI DI ESCLUSIVITA' DELL'INTERVISTA CHE CI HA CONCESSO, SI DIFFIDA CHIUNQUE DAL RIPORTARE ESSA O ANCHE PARTE DI ESSA IN ALTRI CONTESTI. IN CASO CONTRARIO GLI INTERESSATI, PER TUTELARE I LORO DIRITTI SI VEDRANNO COSTRETTI AD ADIRE A VIE LEGALI.

Massimo Tinti, 21/06/2013


ILPALIODISIENA.EU
tutto sul Palio

 

indietro