Per una corretta visualizzazione della pagina occorre avere installato Macromedia Flash Player

        

Un'immagine vale più di mille parole.

1/2


1996/99: l'età dell'oro

Con questa vittoria si apre uno dei periodi più esaltanti del Novecento e forse di tutta la storia dell'Oca. Il 1996 rappresenta il primo di tre capitoli del romanzo di una Contrada, anzi "della" Contrada di Siena. Esso narra del predominio che, col passare degli anni, si rinnova e si consolida nel segno di una tradizione che imprime il proprio sigillo anche sul secolo che sta per finire. I protagonisti assoluti di questo tempo sono: Luigi Bruschelli detto TRECCIOLINO - l'indomito Fantino,  Fulvio Bruni - il mitico Capitano, Lorenzo Fondelli - l'astuto Governatore ed il nostro ineguagliabile, immenso POPOLO. Dopo undici anni di digiuno eccoci qui a riassaporare la vittoria. E che vittoria!!! Fontebranda in un colpo solo festeggia:  il Palio, una carriera conquistata alla "vecchia maniera", le nerbate alla rivale che non vince da più di trent'anni, le nerbate all'ex fantino Aceto, quasi a ricordargli che lui un tempo era grande perchè grande è la Contrada che lo aveva reso tale. Si può desiderare di più?  Calma, siamo solo all'inizio.


Attenti a questi tre........

Trecciolino ed il suo primo nerbo alzato

Lorenzo Fondelli e Fulvio Bruni


Non è un sogno, il Paperone ha vinto una carriera che si ricorderà nei secoli, grazie anche alle immagini filmate che si tramanderanno attraverso le videocassette, i dvd o chissà quale altra diavoleria. Dal sonetto della vittoria:

"...ed eccolo di nuovo il Paperone
tornare Vittorioso e Comandante
con il suo far deciso e prepotente
ricomincia a spiegare la lezione!..."
 



Carriera del 2 luglio 1996

Contrade Barberi Fantini Mossa
CHIOCCIOLA Minoredda Andrea VIII
SELVA Maranello Bastiano VII
AQUILA Imco Flaming Tremoto V
OCA Quarnero Trecciolino IX
ISTRICE Tarantola Massimino I
TORRE Musetto Aceto II
VALDIMONTONE Bella Speranza Il Pesse VI
GIRAFFA Naomy Il Bufera R
BRUCO Trastullo Stoppa IV
LEOCORNO Penna Bianca Cittino III

Per la cronaca vai alla pagina seguente
 


Aceto col giubbetto della Torre e Trecciolino con quello dell'Oca.         Trecciolino e Aceto
Scambio di convenevoli 1 e 2

Scambio di nerbate fra Oca e Torre         Aceto accompagnato fuori dal Campo dai contradaioli.
      Cambio della guardia           Stasera vo' a letto senza cena
 


Vittoria di Popolo

Fulvio Bruni che festeggia la sua prima vittoria da CapitanoNon ho un ricordo preciso del momento della vittoria. Ho cercato, con gli occhi Riccardo e Foffo, amici di sempre per sempre e non li ho trovati, Lorenzo "orso dolcissimo" e Pino "volpe argentata dal gran cuore" erano sommersi insieme al fido QUARNERO; Michele e Claudio guardiani attenti, scomparsi nel tumultuoso abbraccio a Gigi. Soli, emozionatissimo dottore, addirittura chiuso nella stalla; non ho visto nessuno in quel momento ... ed ho chiuso gli occhi. Quando li ho riaperti ho trovato il popolo che tutti i Capitani vorrebbero: entusiasta, affettuoso, compatto, deciso, prepotente; ho provato una strana sensazione, come se un vento d'amore salisse verso il palco. Stava pulsando un gran cuore, quello che Gigi Bruschelli ha portato con sé, sul tufo, per tutti e tre i giri: Trecciolino è penetrato nel nostro spirito, ha capito le nostre sensazioni, è diventato improvvisamente uno di noi..... ed allora non ha corso solo. Grazie amici di ieri e di oggi, grazie per questa vittoria che ha un significato particolare, per i modi ed i tempi con cui si è concretizzata; in ogni suo passaggio c'è un sapore antico che ce la rende ancora più cara. Fontebranda ha atteso pazientemente per anni, ha sopportato atroci prove del destino, aggrappandosi alle tradizioni ed ai suoi vecchi; è stata silenziosa, ha lasciato parlare e sparlare, ha insegnato ai giovani i veri valori della Contrada, volando sempre più in alto. Ed infine ha gettato sul campo le sue armi: l'onore, l'orgoglio, la tradizione, la forza: ed ha vinto in un modo che niente e nessuno potrà mai cancellare.
Fulvio, Capitano Contradaiolo, è fiero di essere figlio delle tue piagge, dei tuoi vicoli, delle tue Fonti e ti ringrazia, immensa Contrada dall'immenso cuore.

(Dal N.U. Papero Re, l'articolo scritto da Fulvio Bruni)

 

>>
 

ILPALIODISIENA.EU
tutto sul Palio