Trifora

1



VALDIMONTONE

3



BRUCO

5



LUPA

7



OCA

9



NICCHIO


CARRIERA DI PROVENZANO

2 LUGLIO 2024

Qui ai lati sono riportate le bandiere delle Contrade - cliccando su ognuna si accede direttamente alle pagine dedicate alla Contrada - che prenderanno parte parte alla carriera, il numero sopra ognuna ne identifica l'ordine di entrata nel Campo durante il Corteo Storico.

26 MAGGIO - ESTRAZIONE (regole)

Oltre alle 7 Contrade che corrono di diritto, sono state estratte nell'ordine: GIRAFFA, NICCHIO e ONDA, in modo da completare il lotto di 10 che partecipa a questo palio.

AQUILA, TARTUCA, CHIOCCIOLA, DRAGO, SELVA, TORRE e ISTRICE invece, prenderanno parte alla carriera del 2 luglio 2025.

26 GIUGNO - PRESENTAZIONE DEL PALIO

GIOVANNI GASPARRO è l'artista incaricato di dipingere il drappellone dedicato alla Madonna di Provenzano.

Nato a Bari nel 1983, vince giovanissimo il premio "Bona Sforza, regina di Polonia e duchessa di Bari" (Bari, 1997) per un'opera grafica. Approfondisce gli studi nel campo dell'arte a Bari prima di diplomarsi all'Accademia di belle arti di Roma nel 2007. A partire dal 2001 espone in tutta Italia. La sua prima mostra personale, tenutasi nel 2009 a Parigi, ne consolida la dimensione europea, nello stesso anno espone nella galleria Russo di Roma e due anni più tardi per il padiglione della Regione Lazio nella 54ª Esposizione internazionale d'arte di Venezia. Sempre nel 2011 l'Arcidiocesi dell'Aquila gli commissiona la decorazione delle ancone marmoree della basilica di San Giuseppe Artigiano, danneggiata dal terremoto del 2009 e in quel momento in fase di restauro. Gasparro realizza 18 tra cimase e pale d'altare e 2 teleri, raffiguranti scene tratte dai vangeli e santi della tradizione aquilana, che costituiscono il più grande ciclo pittorico religioso realizzato negli ultimi anni. Il 22 luglio 2012, in occasione della riapertura al pubblico della chiesa, il critico d'arte Vittorio Sgarbi ha elogiato pubblicamente l'artista pugliese. Nel 2020 ha fatto molto discutere una sua opera, il quadro "Martirio di San Simonino da Trento" in cui l'autore ha raffigurato il presunto martirio del piccolo Simonino, un bambino ritrovato morto nel 1475 a Trento, per il cui omicidio vennero accusati alcuni ebrei askenaziti in un "processo farsa" basato sul presunto mito dell'infanticidio rituale ebraico. Lo stile del pittore è orientato verso il tenebrismo caravaggesco, come si evince dall’intento ritrattistico di moltissime opere i cui personaggi, plasmati da pennellate dense, cariche di colore e da un sapiente dosaggio di effetti luministici, conservano un aspetto crudo, violento, talvolta macabro, improntati sempre a un’espressività dolorosa, supplichevole e meditabonda.
Più in generale, nella fisicità gasparriana, che sembra anche tipicizzare la meridionalità in cui è il corpo a farsi parola, lingua, messaggio, simbolo, e addirittura, sintomatologia, colpisce l’esaltazione delle mani: il meccanismo vitale ed energico che a loro compete assume un valore apotropaico, quando allontanano o annullano un influsso magico maligno; sondano una trasformazione (lo si percepisce dai contorni in dissolvenza), una conversione, narrano un equilibrio transitorio che segue prima di tutto un’azione interiore.
QUI il sito web dell'artista.

29 GIUGNO - LA TRATTA (regole)

ELENCO DEI CAVALLI AMMESSI

C a v a l l o N. coscia N. coscia C a v a l l o
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

ASSEGNAZIONE DEI PRESCELTI

Or

Co

Contrada

 

Or

Co

Contrada

1     6    
2     7    
3     8    
4     9    
5     10    

ORDINE ASSEGNAZIONE CAVALLI CON MONTE
l'ufficialità avviene con la segnatura dei fantini, la mattina del Palio.

Contrada Barbero Fantino
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

ORARI DELLE PROVE E DEL PALIO

29 GIUGNO/2 LUGLIO - LE PROVE (regole)

Prova Contrada Vincitrice
 
 
 
 
gen.  
provaccia  

2 LUGLIO - LA CORSA (regole)

La mossa con le relative posizioni al canape:

                   
R 9 8 7 6 5 4 3 2 1

DOPO LA CORSA

Chi perde 'un cogliona, solo chi vince fa.
 

Trifora

2



PANTERA

4



LEOCORNO

6



CIVETTA

8



GIRAFFA

10



ONDA